Un "guascone" alla Casa Bianca @ 31 Jan 2018

Un "guascone" alla Casa Bianca

di Guido Nicosia

 

Oggi alla Casa Bianca, alla guida della superpotenza mondiale, è arrivato un "guascone" con la parrucca gialla. Le spara grosse. Il rischio è che possa far esplodere il mondo. Dice di avere il "bottone" atomico più grosso di tutti. State attenti a disturbarlo. Le bubbole degli ambientalisti non gli interessano e si sfila dagli accordi di Parigi sulla tutela del clima: gli Stati Uniti continueranno ad usare il carbone. Chi se ne frega dell'effetto serra, degli sconquassi meteorologici che ne derivano? Porterà l'ambasciata americana a Gerusalemme, trasferendola da Tel Aviv. E poco importa se ciò provoca una nuova pericolosa destabilizzazione politica in Medio Oriente. Espelle milioni di immigrati in USA provenienti dal centro America e dall'Africa: gente sporca che deve tornare nei propri "paesi cesso". Gli accordi con l'Iran per il controllo nucleare già siglati da Obama sono carta straccia: non si tratta con i terroristi. La diplomazia dell'Onu ? Tutta fuffa, taglierò il contributo americano alle Nazioni Unite. Il Russiagate, le trame e le fake news organizzate dal Cremlino per far perdere la Clinton? Tutte invenzioni. Che dire. Lo hanno votato gli americani, ora se lo godranno. Purtroppo dovrà goderselo il mondo intero. Così come avviene in Europa con molti paesi dell'Est che hanno aderito all'Unione solamente per ottenere cospicui contributi finanziari ma rifiutano elementari regole democratiche di solidarietà umana; così come è avvenuto e avviene tuttora in Italia con il movimento 5 stelle popolato da gente sprovveduta che non sa far politica, che ha dato pessima prova di governo laddove e' arrivato, a cominciare da Roma soffocata dall'immondizia, per non dire di Torino (bilanci tarocchi?) o di Livorno. Per non parlare del bambolotto impomatato che tra una gaffe e l'altra e un congiuntivo umiliato pretende di fare il premier, rispondendo delle proprie azioni solo ai padroni, il titolare di una agenzia di marketing e un vecchio guitto in decadenza. Pronto, ora, ad imbarcare sul suo sgangherato carro di Tespi, lui, il puro, incorruttibile, transfughi leghisti ed ex cantori, emarginati, del cavaliere di Arcore.


News powered by CuteNews - http://cutephp.com